Autori contemporanei al Saloncino della Pergola

Finalmente un luogo aperto al teatro contemporaneo: primi appuntamenti con la discarica di Spiro Scimone e l’inferno di Manlio Santanelli.

© Giuseppe Bianco

Costruito nel 1801 e adibito per musica e feste, il Saloncino del Teatro della Pergola oggi diventa luogo privilegiato per riflettere sulla contemporaneità attraverso il teatro. I primi due ospiti sono i drammaturghi Spiro Scimione e Manlio Santanelli, autori meridionali di fama internazionale dalla scrittura tormentata e paradossale, che riflette ironicamente sulla realtà provocando il riso amaro degli spettatori. Novità assoluta: prima di ogni spettacolo la Pergola offre l’occasione di parlare e confrontarsi con gli artisti, per far sì che il teatro sia anche un momento di riflessione, di scambio e di interrogazione.

© Marco Caselli Nirmal

Venerdì 18 novembre andrà in scena “Il cortile” di e con Spiro Scimione, affiancato da Francesco Sframeli e Gianluca Cesale, per la regia di Valerio Binasco. Tre uomini ancora bambini, con il bisogno di ascoltarsi e il piacere di giocare, vivono in una discarica tra vecchie biciclette e spazzatura. La loro esistenza apparentemente disperata rivela l’umanità che spesso manca nella realtà dei rapporti umani: una riflessione sul presente tra comicità, realismo ed amarezza.

Lunedì 21 novembrela Compagnia Teatrale Universitaria Binario di scambio presenta “Andate all’inferno (per me si va dove volete voi)” di Manlio Santanelli per la regia di Alessio Pizzech. Lo spettacolo è ambientato nei sotterranei napoletani, sulle rive del lago d’Averno, luogo che rimanda all’atmosfera dantesca dell’Inferno: in una situazione surreale e grottesca si susseguono volti e voci del presente e del passato, reali o immaginarie, in un’evocazione letteraria, storica e mitologica.

(di Mariagiovanna Grifi)

chevron_left
chevron_right