AREA – Reunion Tour / 25 luglio Anfiteatro delle Cascine

Se pensi che il mondo sia piatto allora sei arrivata alla fine del mondo. Se credi che il mondo sia tondo allora sali, e incomincia il giro tondo! (La mela di Odessa)

Era il 1972 quando 6 artisti di diversa provenienza geografica e musicale e che credevano tutti che il mondo fosse tondo, si misero insieme per dare vita ad un grande girotondo.

Era nato il gruppo degli Area.

In realtà per loro la definizione di tondo forse era anche restrittiva… il loro mondo era sicuramente qualcosa che trascendeva la geometria, era un continuo salto di dimensione. E la loro forza fu quella di riuscire, in quegli anni, a rendere comprensibile a molti questa pluralità di dimensioni. Un po’ come, prima del computer, gli architetti rendevano comprensibile la tridimensionalità dei loro progetti mirabolanti attraverso la prospettiva geometrica…

Le dimensioni attraverso le quali viaggiavano erano quelle del progressive italiano, del jazz, della musica etnica (che Demetrio Stratos chiamava “musica mediterranea”), dell’elettronica, della sperimentazione più avanzata, della politica, della vita civile, della cultura e infinite altre. Riuscirono a fondere tutto ciò in una maniera assolutamente intelligibile a molti, se non a tutti.

La primissima formazione non durò molto, anzi una caratteristica degli Area fu proprio quella dell’avvicendamento dei diversi componenti nel corso dgli anni, anche se con alcune certezze, come la voce di Demetrio Stratos, le tastiere di Patrizio Fariselli, la chitarra di Paolo Tofani, la batteria di Giulio Capiozzo e il basso di Ares Tavolazzi.

L’avvicendamento nasceva dalla voglia e dalla spinta di ognuno di loro di continuare a vedere il mondo tondo, di cercare nuove esperienze, musicali e personali, per poi tornare periodicamente ad incontrarsi per trasmettere agli altri quello che avevano visto e vissuto. Oppure nasceva da fatti tragici, come la morte improvvisa di Demetrio Stratos nel ’79 e quella di Capiozzo.

Per questo, o nonostante questo, gli Area non si sono mai “sciolti”, od almeno non nel senso classico del mondo musicale, continuando nel corso degli anni, in maniera discontinua, a riaffacciarsi su questo panorama terreno.

[youtube width=”500″]81PMx5ndpnc[/youtube]

Qualche mese fa si sono di nuovo riuniti e prima di qualsiasi album hanno ricominciato a suonare dal vivo, a mettere le persone di fronte ad una nuova visione del mondo, arricchita da questi anni di vita di ognuno di loro: Fariselli, Tofani, Tavolazzi sono ancora lì, con tutti quegli elementi che li hanno contraddistinti da sempre, la grande capacità musicale, l’impegno sociale, la passione, la sperimentazione.

A Firenze, quasi in una sorta di chiusura del cerchio (o, più appropriato, del tondo) si ritrovano a suonare non in un impersonale locale o palazzetto, ma in un luogo che li vide già nel ’74 in un concerto memorabile, le Cascine. In occasione dell’Estate Fiorentina, che ha visto la riapertura ai grandi concerti dello spazio dell’Anfiteatro, con la manifestazione “Welcome”, 37 anni dopo risuoneranno le note di pezzi mitici, come “La mela di Odessa”, “Luglio, Agosto, Settembre (nero)”, “Gioia e Rivoluzione” e chissà cosa altro di nuovo e sorprendente…

Stasera alle Cascine assisteremo ad un evento dove i 3/5 di quel gruppo che elencavo prima tornano su un palco per dirci, “signori, noi ci siamo, il mondo per noi è sempre tondo… e per voi?”

[box] 25 luglio 2011 – AREA Reunion Tour  – Anfiteatro delle Cascine, Firenze – ore 21.30

biglietto 15 euro – prevendite Boxol.it [/box]

[youtube width=”500″]xavaHBJukMg[/youtube]

chevron_left
chevron_right