29 settembre: all’ObiHall (ex SascHall) Danilo Rea ricorda De André

Lo storico Teatro Tenda cambia nome ancora una volta, e si festeggia con un tributo al grande cantautore genovese da parte di uno dei pianisti jazz più apprezzati dello stivale.

Da Sasch a Obi

L’azienda di abbigliamento passa il testimone al colosso tedesco del bricolage, che in segno di continuità inaugura la nuova partnership con un omaggio a Fabrizio De André, a cui è dedicata la via in cui il teatro risiede.

Un interprete speciale

L’amore di Danilo Rea per le canzoni di De André non è cosa nuova, numerosi sono i concerti-tributo che l’artista ha già dedicato al “Poeta” nel corso degli anni, concerti che hanno portato alla pubblicazione dell’album dal vivo “A tribute to Fabrizio De André” nel 2010. Il pianista, che collabora da sempre con i più importanti artisti del panorama pop italiano, si è esibito per la prima volta in un concerto interamente dedicato a Faber su richiesta della moglie Dori Ghezzi, che aveva ascoltato alcune sue interpretazioni.

Dalla PFM al piano solo

Il legame tra De André e il Teatro Tenda non è effimero, proprio qui fu registrata parte dell’album live “Fabrizio De André in concerto – Arrangiamenti PFM”, in cui è possibile ascoltare i suoi pezzi riarrangiati dai pilastri del prog italiano durante alcuni concerti tenuti nel 1979.
Lo stesso luogo che vibrò al suono ricco e fantasioso della Forneria, il 29 settembre assisterà, al contrario, ad un’esibizione in piano solo, mirata al recupero dell’essenzialità della musica di Faber.

chevron_left
chevron_right