Una giornata giapponese a Firenze

Una piccola guida per vivere un giorno made in Japan a Firenze. Alla scoperta dei piccoli angoli di Sol Levante in città.

La Casa dei Libri Giapponesi

Lungo Viale Petrarca (42/R) si trova Italia Shobo, una piccola libreria giapponese collegata all’associazione culturale Iroha. Il luogo certamente più adatto per iniziare una giornata all’insegna di questa cultura millenaria.

Nella casa dei libri troverete molti testi giapponesi, la maggior parte dei quali scritti in ideogrammi. Un posto ideale dove coltivare la vostra passione per la cultura orientale, a partire dalla lingua.

Se desiderate approfondire questa conoscenza, potete contattare l’associazione culturale Tokaghe che durate l’anno organizza molti corsi di lingua giapponese.

Un angolo di Giappone nel Giardino delle Rose

Nella splendida cornice del Giardino delle Rose nel viale Poggi è collocata una piccola oasi dedicata al paese del Sol Levante.

Questa sezione all’interno del giardino fiorentino venne realizzata nel 1998 dall’architetto giapponese Yasuo Kitayama, per poi essere arricchita e riqualificata nel 2011. 

Un piccolo ruscello, tanto verde e una copertura in legno per la cerimonia del tè, il tutto realizzato con materiale proveniente direttamente dal Giappone. Per toccare con mano la natura del Sol Levante.

La meditazione Zen

Dopo esservi riempiti gli occhi con le bellezze del giardino Zen, siete pronti per passare alla pratica. La meditazione significa innanzitutto conoscere se stessi, come insegna Dōgen Zenji, uno dei più grandi maestri di buddhismo zen.

Una pratica antichissima e un’arte del vivere dunque, per trasformare radicalmente la nostra routine quotidiana. A Firenze potrete dedicarvi a questo esercizio presso il Tempio Shinnyo-ji in via Vittorio Emanuele II, il primo Tempio Buddhista Zen Giapponese della città.

La porta del Tempio è sempre aperta a tutti, indipendentemente da ogni orientamento e credo e a qualsiasi livello di impegno. Un luogo dove entrare in contatto con la filosofia buddhista e il proprio essere più profondo.

Dove mangiare

I giapponesi hanno una parola per definire la loro cucina: Sappari. Significa leggera, pulita e non potrebbe essere altrimenti. La sua caratteristica principale è infatti quella di non alterare mai le materie prime. Restituendo un gusto unico e inconfondibile.

Oltre al nostro best of dei ristoranti giapponesi a Firenze per la cena, per la pausa pranzo vi consigliamo una sosta al Pin Gusto in Piazza Ghiberti, dove con soli 10 euro potrete gustare un ottimo buffet a base di cucina tradizionale con la formula ”All you can eat”.

Da non perdere nei pressi di piazza Santa Maria Novella il Banki Ramenun bar gelateria che la sera si trasforma in ristorante, dove potrete gustare il ramen, la tradizionale zuppa di tagliatelle di farina di frumento in brodo.

Le sale giapponesi del Museo Stibbert

Il 2012 è stato l’anno in cui Firenze ha celebrato l’arte e la cultura Giapponese a Palazzo Pitti, istituendo la fortunata mostra Giappone. Terra di incanti. Non tutti però sono a conoscenza di un’esposizione permanente all’interno di uno dei Musei più particolari della città.

Stiamo parlando del Museo Stibbert, situato nell’nell’omonima via collinare e famoso soprattutto per la sua collezione di armi antiche e costumi, una delle più antiche del mondo.

Oggi il museo comprende più di 60 sale ed insieme all’appartamento reale della famiglia Stibbert raccoglie oltre 50.000 pezzi dalla fine del ‘400 fino al primo impero.

All’interno delle sale giapponesi è custodita una grandissima collezione dedicata al Sol Levante. Tra gli oggetti presenti troviamo armi tradizionali, come la katana, e scenografiche armature appartenute agli ultimi samurai.

Una visita che vi consentirà di vedere il Giappone tradizionale, custodito in uno dei musei più interessanti e meno conosciuti della città.

La Via del Tè

Quando si parla di Giappone non si può non far riferimento alla cerimonia del tè, una delle arti tradizionali zen più note.

Uno dei posti migliori per gustare del tè a Firenze, sebbene l’atmosfera non sia proprio quella del Sol Levante, è il piccolo negozio La Via del Tè, situato di fronte al mercato di Sant’Ambrogio.

La Via del Tè dal 1961 importa infusi provenienti da tutto il mondo, dalla Cina all’India, passando ovviamente per il Giappone, proponendo oltre 50 diverse miscele che vengono servite nelle tradizionali teiere di ghisa tipiche della terra del Sol Levante.

Se invece volete conoscere e apprendere la preparazione del tè giapponese, l’associazione culturale Lailac organizza durante l’anno dei corsi sulla cerimonia del tè. Per chi desidera lezioni private, Yoko Shimada dell’associazione Iroha insegna quest’antica arte nella propria casa a Firenze.

 Lo shopping

Come conclusione di questo tour made in Japan, vi consigliamo alcuni negozi fiorentini dove potrete acquistare prodotti tipici del Giappone.

In via dei Serragli si trova Ajisai, un piccolo negozietto di prodotti giapponesi, dai ventagli agli origami, una tappa obbligatoria per tutti i japan addicted. 

Se invece siete alla ricerca di prodotti enogastronomici, l’indirizzo che fa per voi è il Mini Market Li Ji in via Pratese, dove troverete tutto l’occorrente per la preparazione del sushi e altri prodotti tipici di tutta l’Asia.

In via del Giglio si trova infine Vivi Market, un alimentari internazionale con un angolo riservato ai prodotti giapponesi e accessori per la cucina, come ceramiche e rice cooker.

Associazioni culturali giapponesi
attive a Firenze

Iroha
Lailac
Tokaghe
Istituto Giapponese di Cultura in Italia 

Credits foto: DianeNoorlander

chevron_left
chevron_right