Quando e come osservare le stelle a Pratolino

A chi non piace osservare le stelle? Se poi la cornice è quella di Villa Demidoff, la serata è davvero perfetta. Ti propongo qualche appuntamento dedicato alle osservazioni astronomiche gratuite a Pratolino. 

Quando ero più piccola mi capitava spesso di guardare le stelle con gli amici. Seduti sul ciglio del molo della Baia d’Argento di Taranto, con il mare ai nostri piedi e il naso all’insù ci abbandonavamo alle solite chiacchiere delle sere d’estate. Da quando sono a Firenze invece, succede raramente. Un vero peccato, perché non c’è niente di più rilassante che sdraiarsi su un prato e perdersi nei colori della notte.

Con grande piacere ho scoperto che Villa Demidoff organizza periodicamente osservazioni astronimiche gratuite a partire dalle 20.45. Trovo che sia una cornice perfetta. Per partecipare è obbligatoria la prenotazione e l’età minima è di 15 anni, e in questo senso rientro più che abbondantemente nella categoria. Ho visto che il prossimo appuntamento è il 29 agosto: protagoniste della serata astronomica saranno l’Orsa Maggiore e l’Orsa Minore.

Osservazioni astronomiche a villa demidoff, nel parco mediceo di Pratolino

Scorrendo le date, mi accorgo che potrei concedermi anche un’uscita serale in autunno, con osservazioni del cielo e delle sue costellazioni. L’occasione perfetta sarebbe quella del 12 settembre, serata dedicata all’Ariete, il mio segno zodiacale.

Scopro inoltre che la cometa Ison  è la più brillante dell’anno, e che potrebbe diventare persino la più luminosa del secolo. La serata delle osservazioni astronomiche a Villa Demidoff dedicata a questo tema sarà il 10 ottobre. 

Gli appuntamenti con le osservazioni astronomiche a villa Demidoff sarebbero tantissimi e tutti interessanti. Per cogliere il lato poetico delle stelle, ma anche rispolverare qualche nozione di astronomia in modo divertente. 

Osservazioni astronomiche a villa Demidoff
Via Fiorentina, 276
Pratolino (Vaglia, Firenze)

Fino al 31 ottobre 2013
dalle 20.45
055/2760829

Photo credit: immagine in evidenza – MarkGregory007; Colosso dell’Appennino – Scaramuzzino

chevron_left
chevron_right