La Repubblica delle idee a Firenze: il top degli eventi

Da Jovanotti a Baricco, passando per Saviano e Paolo Sorrentino. La festa del quotidiano nazionale arriva nel capoluogo toscano. Appuntamento dal 6 al 9 giugno con la Repubblica delle idee a Firenze. 

Un programma vastissimo e ricco di suggestioni, impreziosito da ospiti internazionali e nostrani, che vedremo impegnati in dibattiti, spettacoli e laboratori dove vivere l’esperienza in presa diretta di un giorno in redazione.

Questa la formula eclettica de la Repubblica delle idee, l’evento organizzato dal quotidiano la Repubblica che dopo Torino e Bari sceglie Firenze come nuova tappa per la sua kermesse. 

4 giorni intensi all’insegna del buon giornalismo, quello fatto di apertura, dialogo e confronto, ma anche di tecnologia, cultura ed eventi pop. Ecco gli appuntamenti che non potete assolutamente perdere.

6 giugno – Dall’Inferno di Dan Brown alle parole di Baricco

Ad animare la prima giornata troviamo uno degli eventi più attesi della manifestazione. Protagonista lo scrittore Dan Brown, che sarà intervistato da Vittorio Zucconi, storica e illustre firma di Repubblica, nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio. 

repubblica delle idee firenze

Al centro del dibattito il tema del mistero e il ruolo che questo ricopre nelle nostre vite, una tematica che ha fatto la fortuna dei romanzi dell’autore statunitense. Il tutto immerso nella suggestiva cornice del Salone, una delle location di Inferno, la sua sesta e recentissima fatica letteraria

Alle ore 21.00 restiamo sempre in Piazza della Signoria  per assistere all’assolo di Alessandro Baricco, poliedrico e amatissimo esponente della narrativa italiana. 

Il discorso del moderno cantastorie ruoterà intorno a quattro vocaboli: educazione, cittadinanza, cattiveria, speranza. Quattro parole semplici e immediate, che andranno a comporre quel fil rouge necessario per ripartire a tessere la tela del futuro nell’Italia della crisi, come lui stesso ha dichiarato. 

7 giugno – Roberto Saviano e l’economia criminale

Risalito dalle viscere di Gomorra (2006), Roberto Saviano ha intrapreso un nuovo viaggio nell’inferno criminale, quello del narcotraffico. Zero zero zero, il suo ultimo libro fresco di stampa, racconta infatti il mercato più redditizio del mondo: la cocaina. 

la repubblica delle idee programma

La sua presenza alla La Repubblica delle idee a Firenze, prevista alle ore 21.00 sempre nel Salone dei Cinquecento, appare dunque imprescindibile per raccontare l’economia criminale da un punto di vista diverso. 

Quello di un autore che va oltre la superficie dei luoghi comuni, individuando in questo indistinto mare magnum gli snodi essenziali, talvolta scomodi e pericolosi, soprattutto svelando la fallacia di quei meccanismi che fanno apparire semplice ciò che in realtà non è.

8 giugno – Giornalismo 2.0 e l’Italia di Rodotà e Zagrebelsky 

Quali sono le nuove frontiere del giornalismo? Una domanda alla quale si cercherà di rispondere per tutta la durata della manifestazione e che nella giornata di sabato verrà affrontata con laboratori sul giornalismo 2.0, le potenzialità del videogiornalismo e il ruolo dei social network nel mondo dell’informazione. 

Prima di assistere a Ferite a morte, il nuovo progetto teatrale di Serena Dandini contro la violenza sulle donne in scena al Teatro Verdi alle ore 21.00, tappa obbligatoria al Salone dei Cinquecento per incontrare Stefano Rodotà e Gustavo Zagrebelsky, impegnati in un dialogo sull’Italia post-populista. 

9 giugno – Fumetti, cinema e musica

Chiusura della festa all’insegna del pop: si comincia alle 17.00 con Tutte le anime del fumetto raccontate dal fumettista Zerocalcare presso la Biblioteca delle OblateLa mutazione italiana in pellicola insieme al regista Paolo Sorrentino e il giornalista Curzio Maltese nel Salone dei Cinquecento, per poi spostarci nuovamente in piazza della Signoria alle ore 18.00 e incontrare Jovanotti, Gino Castaldo e Massimo Giannini.

Un calendario ricco di eventi e personalità di spicco dunque, con il quale la Repubblica delle idee approda nuovamente nelle piazze italiane, non ultima quella fiorentina.

4 giorni di incontri, confronti e discussioni, per scrivere e soprattutto comunicare: tornando a condividere la nostra voglia di ricominciare, a partire dalle nostre idee.

chevron_left
chevron_right