Il negozio più antico di Firenze dove trovare costumi per Halloween

Nel centro storico fiorentino si trova l’antica bottega Filistrucchi, che dal 1720 produce e vende tutto ciò che serve per mascherarsi. Il luogo ideale dove creare il vostro costume per la notte di Halloween.

Una delle attività più antiche di Firenze, che da secoli tramanda l’antica arte del travestimento, sopravvissuta a ben due alluvioni che la colpirono nel novembre del 1844 e del 1966.

Parliamo di Filistrucchi, storica bottega del centro fiorentino, ancora oggi portatrice di maestria artigianale nella creazione di maschere, parrucche e costumi per Halloween e non solo.

costumi halloween firenze

Era il 1700 quando il negozio venne inaugurato come rivenditore di parrucche, l’accessorio simbolo di un’epoca, indossato tanto dalla nobiltà quanto dagli umili servitori.

Venuta meno la moda francese del tupè, la bottega cominciò a dedicare la sua produzione al mondo dello spettacolo, sino a diventare una vera e propria eccellenza nell’ambito del travestimento teatrale, dal Comunale di Firenze al Metropolitan di New York, passando per la Fenice di Venezia e l’Opera di Boston.

negozio filistrucchi halloween firenze

Una maestria tutta fiorentina nell’arte dei costumi e del trucco, che arriva anche sul grande schermo: una collaborazione che continua tutt’oggi, vantando all’attivo nomi di grandi maestri del cinema come Takeshi Kitano.

Filistrucchi si configura ancora come un laboratorio rigorosamente artigianale, depositario di un sapere antico unito a tecniche nuove e specializzate. Un negozio dove troverete parrucche, barbe, basette e baffi finti, ma anche maschere in lattice o cartapesta.

costumi per halloween filistrucchi

Il luogo ideale dove creare un make up per la notte di Halloween unico e originalissimo, oppure per vedere da vicino un’arte che si avvale di un’esperienza lunga tre secoli, lasciandovi affascinare da uno dei retrobottega più suggestivi di tutta Firenze. 

Bottega Flistrucchi
Via Giuseppe Verdi, 9
Firenze

Sito ufficiale

Credits foto: Dario Garofalo (immagine 4), italianoleggio.it, filistrucchi.com