Firenze: 8 giardini da visitare assolutamente

Alla scoperta della Firenze verde ma anche viola, bianca, lilla, rosa, cremisi, scoprendo il cuore vegetale di una città che non è solo pietra.

Scarica la guida ai giardini di Firenze: è gratis

Dai cortili privati, da piccoli e grandi giardini pubblici, un’immagine bucolica prende il sopravvento sui bollettini delle polveri sottili.

Giardino Bardini

Giardino Bardini

Il primo da visitare, per alcuni il più bello, di certo il più profumato è il Giardino Bardini con il doppio ingresso da via dei Bardi e Costa San Giorgio. Aggrappato sulla collina di Montecuccoli, offre dove un tempo c’erano terrazzamenti agricoli una visuale formidabile, con i suoi glicini, il giardino all’inglese, la Kaffeehaus. Mosaici vegetali e architettonici, sentieri e se non vi bastano i colori naturali, sino ad aprile, nella villa adiacente è visitabile il nuovo allestimento al Museo della Fondazione Roberto Capucci nella Villa Bardini di Firenze intitolato «I colori, il mio grande Karma» un invito a un viaggio nell’universo cromatico.

Giardino di Boboli

Boboli

Il parco nobile dei fiorentini, alle spalle di Palazzo Pitti, con i suoi viali che sono stati il modello mediceo per i giardini di tutta Europa, in questi giorni si colora di verde e si affolla di turisti. Imponente, romantico, classico. Boboli è il giardino per antonomasia. Una sosta di storia e di natura nel cuore di Firenze

Parco dell’ Anconella

Parco Anconella

Le Cascine sono di certo il cuore verde di Firenze ma dall’altro lato della città anche il Parco dell’Anconella, offre uno spettacolo toccante e semplice con i suoi lecci. Gli alberi spogli si sono ricoperti di un verde cupo e da Piazza Ravenna, sino a Rovezzano, da un lato all’altro dell’Arno, sembra un bosco ed è un paradiso per ciclisti metropolitani.

Giardino dell’Orticoltura

A nord di Firenze, accarezzato dai binari e dalla trafficata via Bolognese, un altro giardino pulsa di vita e di fiori in questi giorni. E’ il giardino dell’Orticoltura con la sua serra liberty e i percorsi botanici. Sempre poco affollato sa proprio di primavera. Tra profumi di erba fresca, l’entrata panoramica degli Orti del Parnaso con il serpente, la Loggetta rinascimentale è un luogo di relax e di storia.

Giardino del Parco di San Salvi

San salvi

Non è un giardino vero e proprio ma è qualcosa di più lo spazio verde di San Salvi, dove la storia dell’ex ospedale psichiatrico offre più di uno spunto per una passeggiata tra gli alberi e i fiori. Qui gli alberi sono dei grattacieli verdi, cedri del Libano e magnolie spettacolari, che sono quelli che furono donati da Marcello Mastroianni che proprio a San Salvi girò con Bolognini il film “Per le antiche scale”.

Giardino delle Rose

Giardini Firenze

Non è ancora del tutto fiorito ma è un festival di gemme e rose precoci il Giardino delle Rose in Viale Poggi. In assoluto il miglior luogo per meditare sulla bellezza della primavera e sentirvi languidi e romantici, accompagnati dalle opere di Folon.

Giardino Torrigiani

Giardino Torrigiani

Bisogna prenotarsi ma ne vale proprio la pena, per visitare invece il Giardino Torrigiani, che si estende fino alle mura lungo il viale Petrarca. Il giardino progettato da Luigi Cambray-Digny e successivamente proseguito da Gaetano Baccani, ha nel centro una suggestiva torre neogotica nella cui sommità è situato un piccolo osservatorio da cui è possibile ammirare e studiare le costellazioni. Alberi, piante preziose e autoctone si mescolano ad opere scultoree che i proprietari del giardino ben volentieri vi mostreranno.

Giardino Iris

Giardino Iris

Per concludere un giardino che ancora non è aperto ma che si sta costruendo come ogni anno. Si tratta del giardino degli Iris, che contende agli olivi del balcone Est di Piazzale Michelangelo, un territorio panoramico come pochi al mondo. Gli Iris spuntano alla metà di Marzo, e invadono di profumo il piazzale. Apre dal 25 aprile al 20 maggio. Segnatevi queste date in agenda. E’ uno dei giardini più belli al mondo e se ne sta discreto, senza furia, nella sua bellezza colorata.

Tanti dunque i giardini, i parchi, piccoli e grandi, pubblicizzati e nascosti, in cui godersi un po’ di sole e relax.

Giardino Bardini
Boboli
Giardino orticoltura
Giardino delle Rose 
Giardino Torrigiani 
Giardino dell’Iris