A Natale la storia di Charlie Brown si guarda nell’Ipad

Il cartone animato A Charlie Brown Christmas, trasmesso per la prima volta in tv nel 1965, diventa un’applicazione da scaricare.

Un’esperienza interattiva in cui dovremo aiutare Charlie, Snoopy e gli altri Peanuts a trovare il vero significato del Natale. L’applicazione raccoglie le più belle storie dei Peanuts che verranno cantate ed animate con le voci del cartone originale, comprese le note di pianoforte del jazzista Vince Guaraldi. Un applicazione per grandi e per piccoli definita da Marshable “spettacolare, da far sentire l’iPad magico”.

La bellezza dei Peanuts:

Il fumetto scritto e illustrato da Charles Monroe Schultz fu pubblicato per la prima volta nel 1950. Per ben 50 anni il disegnatore ci ha raccontato se stesso, la sua tendenza all’introversione e la sua timidezza attraverso le avventure di Charlie, Snoopy, Linus e tutti gli altri.
Il segreto del successo dei Peanuts sta nei suoi piccoli personaggi e nella leggerezza di un mondo privo di adulti, dove i sentimenti (amicizia tristezza e a volte rabbia) sono raccontati con estrema tenerezza e poesia. I Peanuts fanno ridere ma più che altro fanno bene allo spirito.

Personaggi:

Charlie Brown, il protagonista, è un bambino di terza elementare che soffre di claustrofobia nel mondo, timido e impacciato costruisce aquiloni che non riesce a far volare. Il suo cane di nome Snoopy cammina a due zampe come gli esseri umani e vorrebbe fare lo scrittore anche se nessuno vuole pubblicare i suoi libri. Linus, il miglior amico di Charlie si dedica alla filosofia per sottrarsi alle prepotenze della sorella Lucy e non può pensare di vivere senza il suo bene rifugio: la coperta. I Peanuts hanno i difetti degli adulti ma li vivono con la spontaneità dei bambini, questa è la magia della striscia.

Il cartone:

I Peanuts s’interrogano sul vero significato del Natale in Charlie Brown Christmas, primo speciale del 1965. A Charlie Brown viene chiesto di comperare e decorare un albero per la recita scolastica, Charlie compera un piccolo albero mal ridotto così debole da non riuscire a sopportare neppure una pallina di Natale. L’albero però è il sinonimo del vero spirito del Natale, lontano dal consumismo sfrenato delle feste.

   

chevron_left
chevron_right