Star Wars 3D, dal 10 febbraio nelle sale

George Lucas colpisce ancora.
Arriva una versione rimasterizzata (e in 3D) de La minaccia fantasma, l’episodio che nel 1999 rilanciò la più grande saga di tutti i tempi

Le grandi narrazioni non finiscono mai. A riprova di questo, durante il Carnevale viareggino, Lucasfilm e 20th Century Fox hanno presentato in anterprima Star Wars: Episodio I – La minaccia fantasma in versione 3D.

I propositi che vi avevamo anticipato nei mesi scorsi sono ormai ufficiali: Guerre Stellari torna al cinema. Una storia che, anche a distanza di trent’anni, non smette mai di coinvolgere ed emozionare.

E come in tutte le grandi narrazioni, è bene cominciare dal principio. “La minaccia fantasma” (1999), prequel della trilogia primigenia ma cronologicamente successivo ad essa, è infatti il primo episodio in ordine logico ma non temporale.

La vicenda ha inzio “tanto tempo fa, in una galassia lontana, lontana”, quando ancora l’avvento dell’Impero è solo una terribile minaccia. Sullo sfondo, la caotica fase della Prima Repubblica, forma di governo unitario dell’universo conosciuto, irrimidiabilmente schiacciata dalla burocrazia e incancrenita da una corruzione dilagante.

Al centro del plot due cavalieri Jedi, Qui-Gon Jinn (Liam Neeson) e il suo allievo Obi-Wan Kenobi (Ewan McGregor), incaricati di risolvere la crisi provocata dalla Federazione dei Mercanti la quale, fermamente contraria ad una tassa sulle rotte commerciali, ha organizzato un blocco di navi da guerra su tutta l’esosfera del pianeta Naboo. Fallita la mediazione e scoperta la trappola tesa loro, comincia per i due Jedi un peregrinare intergalattico, durante il quale salvano la giovane regina di Naboo, Padmé Amidala (Natalie Portman), rapita dalle armate della Federazione.

Nel corso di una sosta sul pianeta Tatooine, si imbattono in Anakin Skywlaker (Jake Lloyd), un piccolo genio dei motori, costretto a lavorare come schiavo in un’officina meccanica. Qui-Gon percepisce in lui l’inconfondibile presenza della Forza, quell’aura mistica propria di ogni cavaliere Jedi, una potenza interiore di coloro che “seguono la luce” e sono destinati a grandi imprese. Il maestro non ha dubbi: il giovane Anakin è il Prescelto e una nuova era di pace e concordia non può essere lontana. Ma sarà davvero lui, come recita l’antica profezia, a riportare l’equilibrio nella Forza?

Questa è, in breve, la cosmogonia del meraviglioso universo creato da Lucas nel 1977. Un mondo alternativo, popolato da androidi saccenti, alieni mostruosi e tecnologie avanzate (ma non troppo), che ha reinventato il cinema di fantascienza, consegnandolo al Mito.

Il rumore inconfondibile delle spade laser, i combattimenti spaziali, la saggezza orientaleggiante di Yoda, l’onnisciente Obi-Wan Kenobi, il pilota mercenario Han Solo e il suo compagno Chewbacca, la dolce Leia, principessa delle forze ribelli, l’audacia di Luke Skywalker, non l’ultimo dei vecchi Jedi bensì il primo dei nuovi, l’aspetto minaccioso di Darth Vader, sono solo alcuni dei tratti caratteristici di questa pellicola straordinaria, entrati a pieno titolo nel nostro immaginario collettivo.

Star Wars è una favola immortale e senza età, dove il Bene e il Male, persi nell’ennesimo conflitto, si fronteggiano in duelli degni della miglior tradizione di cappa e spada (ovviamente laser), inseguimenti a perdifiato nello spazio, scontri epici, esplosioni cosmiche e sanguinose battaglie. Il tutto reso possibile da effetti speciali a propulsione, in un gioco spettacolare che ha dato vita ad un successo che avanza e non si ferma mai.

L’avventura continua. E stavolta ha tre dimensioni. Che la magia sia con voi.


chevron_left
chevron_right