ricette toscane fegatini di pollo

Le migliori ricette toscane per un pranzo di Natale perfetto

Ogni pranzo del 25 Dicembre che si rispetti ha i suoi piatti della tradizione. Noi vi spieghiamo come ricreare un pranzo di Natale perfetto con delle ricette toscane.

Mettiamo che siate all’estero e non possiate rientrare a casa per Natale o che dobbiate inaugurare casa nuova . Per la prima volta sarà la nonna a venire a pranzo da voi o che la mamma abbia deciso di prendersi vacanze dalla cucina. Che fare?

Questo post fa per voi perché vi spiega facilmente come riprodurre il tipico pranzo fiorentino e di quali ingredienti non potete proprio fare a meno.

Ricetta dei crostini con i fegatini

L’antipasto toscano per eccellenza è a base dei fegatini di pollo, accuratamente puliti, che vengono saltati in padella con olio, cipolla e poco sedano e carote.

Si sfuma tutto con vino bianco e dopo averli tagliati rigorosamente in punta di coltello -dimenticatevi il mixer!- si rimettono in padella con sale, pepe, filetti di acciuga e i capperi tritati.

Fate cuocere per 15 minuti circa, eventualmente bagnando con del brodo di pollo. L’ideale per realizzare il crostino è usare il pane raffermo abbrustolito in forno. La tradizione dice di bagnarne una parte nel fondo di cottura e spalmare sull’altra il gustoso condimento ancora caldo.

Tantissime sono le varianti: da provare la sostituzione del vino bianco con il Vin Santo e l’aggiunta tra gli odori della salvia fresca.

Ricetta dei cappelletti in brodo

Cominciamo dalla preparazione più lunga, meglio se fatta il giorno prima: il brodo, che secondo le ricette toscane è sicuramente di cappone – sì, proprio quelli che portava Renzo all’Azzeccagarbugli nei Promessi Sposi-.

La preparazione è lunga ma semplice: grande pentola riempita di acqua fredda, il cappone pulito e una cipolla, una carota e del sedano lavati. Si porta a bollore e si fa cuocere per circa due ore.

Una volta raffreddato con la schiumarola o un colino bisogna eliminare il grasso dal brodo e questo dovrà solo essere riscaldato per il pranzo. La carne di cappone potrà essere quindi usata come ripieno dei cappelletti, dopo essere stata frullata e condita con uovo, sale, parmigiano, noce moscata, prezzemolo tritato e un po’ di pancetta affumicata.

Base per la preparazione della pasta all’uovo: 1uovo ogni 100 gr di farina, per 50 cappelletti che sono 4 porzioni occorrono 300 gr di farina. Su una superficie create la fontana di farina, rompete le uova e impastate. Mettete a riposare l’impasto per mezz’ora, avvolto in un canovaccio pulito.

A questo punto davanti a voi la difficoltà tenderà ad aumentare perché avrete bisogno di un grande mattarello e un’ottima resistenza fisica o una macchinetta per tirare la sfoglia con simpatica manovella o motorino ultra tech.

E con pazienza certosina si pone la farcia sulla sfoglia, si richiude avendo cura di passare con un pennello un po’ di acqua sui bordi e poi si va di taglia-pasta o rondelle o casalingo bicchiere per tagliargli a semicerchio.

Ricetta dell’arista alla fiorentina, altrimenti conosciuta come la lombata di maiale

Per preparare l’arista alla fiorentina il forno è il vostro alleato. Preriscaldatelo a 200° e nel frattempo preparate un fine trito di rosmarino, salvia,aglio, sale e pepe. Con un coltello ben affilato separate il controfiletto dall’osso del maiale e cospargetelo con il condimento, massaggiando la carne perché venga assorbito.

Legate tutto con spago da cucina e mettete a cuocere in una teglia con abbondante olio per circa un’ora. Nella stessa teglia potrete aggiungere anche le patate sbucciate, lavate e tagliate a pezzettoni e salate. Quando l’arista sarà croccante da tutti i lati, aggiungere il vino bianco e farlo evaporare ma non completamente perché il sugo è gustosissimo.

Fatta raffreddare l’arista, disossatela e tagliatela a fette. A tavola la servirete con il fondo di cottura e le patate ancora tiepide. Non dimenticate di comprare un’insalata bella fresca che avrà il compito di alleggerire il pranzo e dare facilmente freschezza a fine pasto.

Dolci natalizi toscani

Natale non sarebbe Natale senza i suoi dolci. Sulle tavole fiorentine troneggiano ricciarelli a base di mandorle e zucchero, l’antichissimo panforte con tanta frutta secca e i cantuccini da intingere nel Vin Santo, tra i più noti dolci delle ricette toscane.

Ne esistono di ognuno mille varianti e tipologie, rielaborando la ricetta tradizionale ai gusti più moderni con l’aggiunta per esempio del cioccolato in polvere o a pezzetti. Forse per il vostro primo pranzo avrete già fatto tanto da solo e per i dolci è bene fare appello ai doni degli ospiti o al vostro forno di fiducia.

La redazione declina ogni responsabilità sulla buona riuscita del pranzo e invita caldamente i lettori a fare uso dei moderni dispositivi di comunicazione per mettersi in contatto con il soggetto in famiglia depositario dei segreti culinari per la buona riuscita delle ricette toscane.

Natale ai Gigli

chevron_left
chevron_right