Dove schimicare di notte? 5 paninari “sudici” a Firenze

Quando la serata volge al termine loro sono sempre lì, pronti a rimetterci al mondo con salse, patatine e hamburger grondanti. Parliamo dei paninari notturni, pietre miliari della nightlife fiorentina.

Niente chioschi su due ruote all’americana, nessun dolce da pasticceria o ambienti formali da gran gourmet. Il baracchino del paninaro, ultima, santissima meta dei pellegrinaggi notturni, è molto più di tutto questo.

Per tutti i seguaci del tirare tardi e aspettare mattino, ecco i templi notturni della colazione – rigorosamente salata – e dell’ultimo bicchiere. Cinque istituzioni fiorentine che potete visitare non prima delle 1.00 di notte. 

La Piera

Alle spalle della tribuna Maratona si trova  da sempre il baracchino gestito dalla signora Piera, vero pantheon ambulante della più autentica fiorentinità .

Sosta obbligata pre e dopo partita, la Piera è un luogo di ritrovo anche in orari notturni. In barba alle voci che la davano per morta, la regina incontrastata dei panini by night continua a servire la folta popolazione fiorentina che ogni sera si riunisce intorno al suo chiosco.

Un mito inaffondabile, una certezza assoluta per i tifosi viola e non solo. Per chi non teme l’unto e desidera farsi degli anticorpi invincibili.

Maurino detto i’Merda

Abbandonata la storica sede nel Parco delle Cascine, la leggendaria paninoteca ha riaperto lungo Viale Fratelli Rosselli, poco distante dalla Stazione Leopolda. A gestirla un tempo era il singolare personaggio Maurino – meglio conosciuto come i’ Merda– altro paninaro ben noto al popolo della notte.

Prima del suo trasferimento a Certaldo, i panini venivano qui accompagnati dalle colorite espressioni, sempre pronto a elargire perle di saggezza ed espressioni che ormai fanno parte dell’immaginario cittadino.

Rosso & Mao

Situato nei pressi del Mercato Ortofrutticolo di Novoli, il Rosso è un punto di ritrovo a fine serata per tutti gli abitanti del Quartiere 5. Un’istituzione della periferia fiorentina che non dorme mai.

Panini doc, serviti nelle modalità più disparate, e una nutrita comunità che vi si ritrova ogni fine settimana. Consigliata come sosta strategica prima di imboccare l’autostrada per tornare a casa.

Le Voyage

Celeberrima paninoteca sul Lungarno Aldo Moro, proprio davanti all’Obihall – fin dai tempi in cui si chiamava Teatro Tenda- e piena di gente a qualsiasi ora del giorno e della notte.

Punto di riferimento per chi entra o esce dai concerti, lo “zozzone dell’ex-Sashall” – un soprannome, una garanzia- è sempre pronto a rifocillarvi con hamburger e panini con salsiccia.

Segnaliamo la presenza di caratteristiche sedie in plastica dove sostare. Un arredamento minimal e semplicissimo che dà tono all’ambiente.

I’ Bandito

Sebbene collocato nella centrale piazza Pier Vettori, anche i’bandito non deluderà le vostre aspettative di ambiente informale e casalingo.

“Da i’ bandito, tu ti lecchi anche il dito”, recita il detto. Un chiosco molto vicino a Ponte alla Vittoria dove sporcarsi le mani con le salse e fare due chiacchiere prima di andare a dormire. E, ve lo garantiamo, il dito ci si lecca per davvero.

Credits immagine in evidenza: http://www.poistory.it; Yelp;
Facebook paninoteca Le Voyage

chevron_left
chevron_right