La Firenze meno conosciuta con il Pass dei Tesori

All’info point Firenze dei Teatri di via dell’Agnolo il «Pass dei tesori» per accedere alle strutture espositive e museali aderenti all’iniziativa Le Stanze dei tesori.

A Palazzo Medici Riccardi è allestita la mostra dalla quale prendono le mosse le altre esposizioni ai musei: Bardini, Horne, Stibbert, Palazzo Davanzati, Casa Siviero, Fondazione Salvatore Romano e al museo d’Arte Sacra Bandini (a Fiesole)

Quei luoghi che un tempo erano la casa del collezionista o lo showroom dell’antiquario oggi sono tra i musei più ricchi ed eclettici di Firenze. Le esposizioni mirano, ad addentrarsi nel tema del collezionismo fiorito a Firenze tra Ottocento e Novecento. Si, l’ epoca d’oro del collezionismo che contribuì a radicare il mito del Rinascimento e di Firenze stessa che fu l’epica capitale di quel periodo storico in cui antiquari come Bardini e Volpe conquistarono il mercato internazionale diventando poi collezionisti a loro volta e in cui facoltosi studiosi inglesi come Stibbert o Horne acquistarono dimore che hanno poi reso vere e proprie “stanze dei tesori”.  Nei musei citati  possiamo ammirare  oggetti, suppellettili e mobili che sono parte del quotidiano, quei dettagli  che oggi come allora sono tra gli aspetti dell’ arte più vicini e conosciuti da ognuno.

chevron_left
chevron_right