Chiesa dell’autostrada: tutto quello che non sapete sull’opera di Michelucci

Non serve essere credenti per apprezzare questo luogo. Viaggio all’interno della Chiesa dell’Autostrada ideata da un grande architetto, Giovanni Michelucci.

Chi viene qui lo fa per pregare ma anche per trovare un’isola di pace e serenità fuori dalla confusione cittadina. Giovanni Michelucci realizzò questa chiesa nei primi anni ’60, fra l’Autostrada del Sole e quella per il mare.

Dedicata a San Giovanni Battista, era stata voluta dalla società che aveva realizzato l’A1 per commemorare le tante vittime fra i lavoratori che avevano contribuito a costruire queste centinaia di chilometri di asfalto, simbolo di progresso e unità in una Italia uscita dalla guerra.

Un’architettura viva, fuori degli schemi tradizionali, simbolo di quella modernità che sempre più era parte della vita quotidiana negli anni del boom economico. La dinamicità e il senso del viaggio divennero motivi ispiratori e le forme esprimono quello che questa chiesa è: una tenda che accoglie e dà asilo ai viaggiatori, reali o spirituali.

Come la Stazione di Santa Maria Novella, questa architettura nasce dai contrasti. Chi giunge dall’Autostrada non può che rimanere colpito dalla dinamicità delle coperture, tende di rame che sembrano mosse dal vento ma ben ancorate a terra dal corpo della chiesa fatto di solida pietra.

Questa doppia immagine si rivela in maniera più decisa all’interno dove la struttura di pietra e cemento armato si manifesta con una plasticità e leggerezza propria di un organismo naturale.

L’idea del viaggio si concretizza attraverso i percorsi, fisici e spirituali, che gli elementi architettonici creano dividendo e definendo questo spazio sacro. Ogni passo offre al visitatore un nuovo e diverso punto di vista. Le grandi tende che abbiamo visto all’esterno, pur realizzate in cemento armato, hanno visivamente la leggerezza di un tessuto sostenuto da grandi alberi, sempre di cemento armato, i cui rami si intrecciano e si dipartono in ogni direzione.

La chiesa di San Giovanni Battista è il luogo perfetto per chi vuole staccare la spina, anche solo per poco, dalla frenesia di tutti i giorni: se sentite il bisogno di una pausa dal mondo vi consiglio di arrivare fin qua, portarvi un libro magari e passare un’ora o due nella pace.

Per raggiungere la Chiesa basta imboccare il raccordo autostradale Peretola/Firenze-Mare, seguendo l’indicazione per l’area di servizio Firenze nord/Autostrada del Sole A1. Sul posto si trovano poi le indicazioni per arrivare fino a questo luogo di arte e di fede.

Un’ultima curiosità: non tutti sanno che la Chiesa dell’Autostrada, ideata da Giovanni Michelucci, si trova sul territorio comunale di Campi Bisenzio e non su quello di Firenze.

Chiesa di San Giovanni Battista
Via di Limite, Campi Bisenzio (Firenze)

Per visitare la chiesa rivolgersi al custode
Dal lunedì al sabato dalle ore 9.00 alle ore 16.30
La domenica dalle ore 9.00 alle ore 13.00 e dalle ore 15.30 alle ore 18.30

Per info: tel. 055 4219016
sito internet del Comune di Campi Bisenzio

Photo credits: immagine di copertina – Aldoaldoz; esterno – Jacqueline Poggi; interno – World-3.