Arte al muro. Manifesti pubblicitari dal passato

Scolpiti nell’immaginario comune come simboli di un’estetica elegante e mai banale, i manifesti pubblicitari di una volta continuano ad essere amatissimi.

Non chiamateli poster. Dal genio di Marcello Dudovich alle opere futuriste di Fortunato Depero per Campari, passando per un’inedita Firenze bidimensionale, ecco una carrellata di immagini che hanno fatto la storia. Dell’arte, della pubblicità e del gusto. E dell’Italia.

Firenze vintage

Fortunato Depero, bozzetto per Vanity Fair, 1929

Fortunato Depero, Campari

Fortunato Depero, Liquore Strega

Nicolay Diulgheroff, Birra Bosio Caratsch

Marcello Dudovich, La Rinascente, 1925

Marcello Dudovich, Borsalino

Marcello Dudovich, Martini e Rossi

Leonetto Cappiello, Campari

Leonetto Cappiello, Porto Pitters

Leonetto Cappiello, Cirio

 

chevron_left
chevron_right