ANTICOnforme – l’artista Rabarama in mostra a Firenze, tra giganti di marmo e polemiche di fuoco.

Perdersi nell’ossessione di un labirinto emozionale”.

E’ con questa frase che Rabarama (al secolo Paola Epifani), artista scultrice romana che da anni produce ed espone le sue opere in Italia e nel Mondo, presenta il suo lavoro ispirato a concetti filosofici legati all’essere umano; alcuni invece parlano delle sue sculture umanoidi identificandole come “puzzle tatuati sul corpo”.

Se avete fatto un giro a Firenze di recente, in particolare tra Piazza Pitti, il Giardino di Boboli, il Giardino delle Scuderie Reali in Porta Romana o il Complesso delle Pagliere, non potete non aver notato la sua mostra a cielo aperto “ANTICOnforme”.

Qualora la vostra distrazione sia invece patologica, avrete comunque la possibilità di rifarvi fino al 30 Settembre.

L’artista infatti, ha fatto installare una quarantina di gigantesche statue tra i luoghi più visitati (ed idonei ad accoglierle) di Firenze, ed in contemporanea sarà una delle rappresentanti dell’Italia alla Biennale di Venezia: difficile che queste sculture in bronzo dipinto o in marmo di Carrara non attirino la vostra attenzione.

[nggallery id=7]

 

Così come hanno attirato quella dell’Assessore alla Cultura di Palazzo Vecchio che ha rivolto a queste opere un giudizio controcorrente, definendole “marchette” raccomandate da “amici di amici”. Questa dichiarazione ha sollevato un caso politico non indifferente in un momento come questo in cui a Firenze si parla sempre più spesso di arte in termini purtroppo polemici.

Dividere pubblico, critica e personaggi “influenti” è comunque un buon modo per far parlare di sé; le enormi figure androgine esposte non possono dire la loro, al momento; ma voi, che ne pensate?

Michelangelo Buonarroti, a cui Rabarama ha dedicato alcune di queste opere inedite, avrebbe probabilmente risposto così:

“Non ha l’ottimo artista alcun concetto | ch’ un marmo solo in sé non circonscriva | col suo superchio, e solo a quello arriva | la man che ubbidisce all’intelletto.”

Le Pagliere: viale Machiavelli 24. Orario: tutti i giorni 16,30 – 19,30. Ingresso libero; Giardino di Boboli: Orario 8,15 – 19,30. Ingresso: € 7; ridotto € 3,5. Giardino delle Scuderie Reali di Porta Romana: Orario: tutti i giorni 8 – 20. Ingresso: libero.