Le 4 spiagge libere più belle della Toscana

Gratis e struggente. Una spiaggia dovrebbe essere sempre così. Un poker di luoghi da amare e da vivere all’avventura, senza biglietto d’ingresso. Vi porto in giro tra le spiagge libere della Toscana.

Scegliere 4 spiagge libere affermando che saranno le più belle della Toscana è un argomento molto spinoso ma proviamoci, tanta bellezza vale la discussione.

La Lecciona

Questa spiaggia non sarà il massimo del selvaggio, vista anche la vicinanza a Viareggio, ma è la mia preferita, soprattutto perché si può raggiungere a piedi o ancora meglio in bici, dalle piccole strade che tagliano la pineta, creando dei corridoi di luce e fresco molto suggestivi.

Al mattino l’immersione è nei profumi prima che nel mare, con le dune punteggiate di euforbia ed elicriso. Un tappeto di odorosi fiori gialli che accompagnano sino al bagnasciuga.

Spiagge libere della Toscana - La Lecciona (Viareggio - Torre del Lago)

A fine giornata si rientra in città a godersi l’estate mondana ma anche rustica dei bar, dei gelati, della musica. Ideale per chi vuole accoppiare natura commovente e il relax trash estivo.

Marina di Cecina

Se dico che a Marina di Cecina c’è il mare più bello della Toscana mi farò molti nemici. Però se per bellezza si intende pulizia delle acque, esposizione ideale, ventilazione naturale, spiagge comode, scorci suggestivi e magari anche dintorni dove mangiare e soggiornare a prezzi ragionevoli, allora Marina di Cecina può concorrere al mare più bello di Toscana.

Si lascia l’Aurelia e si parcheggia ai lati della strada. 500 metri di attraversata freschissima in mezzo alla pineta e si arriva al mare. Mare e pineta, pineta e mare, sabbia e tappeti morbidi di aghi di pino.

Spiaggia libera in Toscana - Marina di Cecina

Andata e ritorno tra fresco e sole e la giornata passa piacevolmente. A pranzo vi suggerisco di ritornare sulla strada e andare a caccia dei vari banchetti di frutta e verdura dei contadini che vendono prodotti a km zero. Perché Cecina è mare ma anche campagna.

Buca delle Fate

Per gli amanti degli scogli e della privacy, la Buca delle Fate – siamo in direzione Piombino – sembrerà la spiaggia più piacevole. Una caletta incantevole, un mare incredibile: si possono usare solo iperbole per descrivere questo pezzo di Toscana aggrappata alle onde.

Superato il primo pezzo del promontorio di Piombino, dopo aver parcheggiato lungo la strada che sale a Populonia si scende a piedi nella cupa e odorosa macchia mediterranea. Un percorso non facilissimo ma di grande soddisfazione che potete associare una visita all’antica città etrusca.

Famosa per l’acqua chiarissima, la Buca delle Fate è un luogo di silenzio, dal quale ammirare l’Isola d’Elba. Un benefit in più per farvela amare sono i fondali da sogno. Io, che modestamente sono un grande viaggiatore, ne ho visti pochi di così belli.

La spiaggia libera di Cala Violina

Questa curva di mare è solo il meglio di tutte le spiagge libere che si trovano intorno a Follonica, nascoste dai boschi frastagliati del litorale. Certo c’è la Carbonifera con la sabbia finissima e tanto chiara e le sue dune, ma per questo itinerario bisogna puntare al meglio e il meglio è Cala Violina.

Cala Violina, spiagge della Toscana

È Toscana pura ma sembra di essere ai Tropici e il nome secondo la leggenda deriva dal rumore, come di violino, che fa la sua sabbia quando viene calpestata. Qui diventa fisicamente chiaro il concetto di pineta fitta.

Tanta bellezza merita la fatica del sentiero, uno dei più belli, denominato delle Costiere, il cui accesso è consentito solo a piedi, a cavallo o in bicicletta. Bisogna arrivare al ristorante Il Cantuccio che trovate sulla strada che va da Follonica a Castiglione. Dalla sbarra, prendete il sentiero numero 1 e dopo 4 km l’incanto di Cala Violina.

Photo credits: Jack80; Vincenzo Scognamiglio; 3BMeteo

Partecipa alla discussione