1111111

La Torre di Arnolfo riapre al pubblico dal 24 giugno

Un regalo di Firenze ai suoi cittadini e alle migliaia di turisti che ogni giorno scelgono come meta Palazzo Vecchio e Piazza della Signoria.

Si sa, per San Giovanni, Firenze si tira a lucido. E’ un giorno di festa, con i suoi riti ben consolidati e, ogni anno, con qualche sorpresa. Nel 2011 è stata la volta della riscoperta della Torre di San Niccolò  in Oltrarno, quest’anno la novità è la riapertura al pubblico della Torre dell’Arnolfo (Di Cambio), costruita nel 1310, che svetta per circa 94 metri sul Palazzo Vecchio.

Il 24 giugno fiorentini e turisti la potranno finalmente visitare (gratuitamente, su prenotazione) e godere, dopo secoli, di una vista nuova. La Torre rimarrà poi aperta fino in autunno (a pagamento) per chi non riuscirà a prenotarsi in tempo. La galleria di immagini di Firenze, già lo immaginiamo, si arricchirà delle migliaia di nuove foto che verranno scattate da lassù.

Una torre architettonicamente singolare, decentrata rispetto alla facciata del palazzo, che rappresenta sin dalla sua realizzazione, il simbolo della città. Al suo interno, nel cosiddetto Alberghetto vi furono imprigionati perfino Cosimo Il Vecchio prima dell’esilio e Girolamo Savonarola fino al giorno in cui fu condannato ed arso in piazza (1498).

Per chi dunque festeggerà San Giovanni a Firenze, sarà una domenica d’estate piena di eventi: dal corteo storico per le vie della città, alla finale del calcio storico in Santa Croce, fino ai fuochi sull’Arno in chiusura di serata. In più, se non bastasse, la visita alla Torre delle torri. Un piacevole tour de force.

 

Torre D’Arnolfo
Palazzo Vecchio
Firenze, Piazza della Signoria

Domenica 24 giugno
Visita gratuita dalle 9 alle 21 con partenze ogni mezz'ora.

(Prenotazioni: tel.  055 2768224 oppure 055 2768558 oppure email a: info@museodeiragazzi.it.)

Da lunedì 25 giugno
Le visite saranno in orario 9-21 (giovedì 9-14) al costo di 6,50 euro (10 euro con biglietto cumulativo con il museo di Palazzo Vecchio). Non sono previste prenotazioni.

Credits: Foto 2 nel testo Andrea Paoletti

Share on Tumblr


Partecipa alla discussione