Il lavoro lo trovi alla stazione, nella nuova galleria di Santa Maria Novella

La stazione Santa Maria Novella si rifà il look con oltre 40 punti vendita nella galleria commerciale e 400 posti di lavoro in più annunciati. Chissà cosa direbbe Giovanni Michelucci.

Quando attraverso la stazione Santa Maria Novella a Firenze, sono investita da una nostalgia magistrale. Mi sento da sempre un po’ vagabonda e l’atmosfera delle stazioni – i treni, gli altoparlanti, i tabelloni delle partenze e degli arrivi, i colori della giornata che filtrano dalle vetrate sul soffitto della struttura –  accentua l’altalenante desiderio di partire e restare.

La recente notizia del restyling della galleria di Santa Maria Novella domina, ormai, le testate fiorentine. Si parla di una struttura più efficiente e bella. Il mio unico timore è che il monumento di Giovanni Michelucci – uno degli esempi più concreti dell’architettura razionalista del ‘900 – possa essere spogliato del suo aspetto originario.

FIRENZE_SMN photo

Sta di fatto che il 30 luglio è stata inaugurata una porzione della nuova galleria sotterranea, parallela a quella già esistente dove c’è la grande vasca e alla quale si accede anche dalle nuove scale mobili che portano al parcheggio. Proprio lì, apriranno una serie di attività:  più di 40 punti vendita tra ristorazione, bar, negozi di articoli sportivi e una libreria che si estenderà per 1.100 mq. Un angolo di paradiso, che allieterà di certo le attese dei viaggiatori.

Cosa cambia nella galleria della stazione SMN

I primi negozi della galleria sotterranea saranno inaugurati dopo l’estate, per gli interventi di riqualificazione esterna invece – parcheggio interrato per 800 biciclette, le aree verdi e quelle pedonali – bisognerà attendere il mese di ottobre.

Sono stati recuperati, inoltre, i marmi storici o sostituiti con pietre provenienti dalla stessa cava originaria. Insomma, un lavoro fatto a modino.

Per chi cerca lavoro

L’aspetto, a mio avviso e non solo mio, più interessante è però l’annunciata creazione di 400 posti di lavoro. In questo modo la stazione Santa Maria Novella, oltre a raccogliere l’incessante viavai dei viaggiatori e dei nostalgici come me, tornerà ad essere uno dei punti nevralgici dello shopping fiorentino.

Credits: immagine in evidenza Rory Hyde; immagine interna fsnews.it

Partecipa alla discussione