8 libri per portare Firenze in valigia

Letture da spiaggia per non allontanarsi troppo dalla città. Una selezione breve (come le ferie), portando un po’ di Firenze nella borsa. Sotto forma di libro, s’intende. O ancor meglio di ebook.

Dicono che quest’anno la crisi ci ha mangiato anche le agognate ferie d’agosto. E allora ti basterà una breve, brevissima, selezione di titoli, raccolti a manciate tra autori toscani e romanzi ambientati in città.

Inferni fiorentini

Ne hanno parlato in tutte le lingue del mondo, ma non potevo evitare di citarlo: si chiama Inferno (Mondadori, 2013) ed è un continuo richiamo alle terzine dantesche l’ultimo libro di Dan Brown reso celebre dal Codice Da Vinci. Il professor Robert Langdon questa volta si aggira tra i luoghi simbolo di Firenze, per sciogliere l’ennesimo enigma.

Inferno di Dan Brown

Sul filo dei misteri irrisolti, anche il meno recente Quattrocento di Susana Fortes (Nord, 2008), che prende il via dalla congiura dei Pazzi e dalle sanguinose giornate che ne seguirono, per approdare ai nostri giorni, tessendo la storia attraverso le vicende di una giovane dottoranda in storia dell’arte.

Autori fiorentini all’arrembaggio

Assomiglia a un girone dantesco anche la città dipinta da Vanni Santoni, che per essere precisi è di San Giovanni Valdarno.

Se io fossi fuoco arderei Firenze (Laterza, 2011) più che un romanzo è una cascata di racconti che sgorgano l’uno dall’altro, partorendo personaggi in cerca di un futuro più che di un autore, a caccia di quella Firenze che hanno sognato, studiato, letto nei libri e che sembra incapace oggi di dare fiato alle loro voci. Eppure, là sotto il traffico, sotto le birre consumate a ripetizione in Santo Spirito, le scopate a freddo e l’afa, Firenze respira ancora.

Altri misteri cucinati in salsa fiorentina e conditi con un po’ di sana ironia: le vicende del commissario Bordelli, nato dalla prolifica penna di Marco Vichi. Uno per tutti: Morte a Firenze (Guanda, 2009). In alternativa, l’ultima fatica: Il bosco delle streghe (Guanda, 2012), che però ha come voce narrante un vecchio avventore da osteria, sui colli toscani.

Commissario Bordelli, Morte a Firenze

Nella categoria giovani promesse fiorentine, gareggia Alessandro Raveggi (classe 1980), con Nella vasca dei terribili piranha (Effigie, 2012), una specie di reportage di viaggio di un ragazzino anfibio (figura leggendaria che sa di metafora), tra il Vecchio e il Nuovo mondo. Un percorso esistenziale che si conclude in quel di Firenze, nuovamente alluvionata e scossa da una rivolta di clandestini.

La politica va in vacanza

Per chi non ne ha abbastanza di politica neanche in vacanza, i titoli consigliati sono due: Oltre la rottamazione (Mondadori, 2013), nuovo manifesto politico di Matteo Renzi, uscito all’indomani della nascita del Governo Letta, e Chi comanda Firenze di Duccio Tronci (Castelvecchi, 2013), retroscena dell’ascesa del sindaco più famoso d’Italia, ovvero come l’entrata in scena di Renzi ha trasformato la geografia del potere in città.

Photo credits: immagine di copertina di McGyver

Partecipa alla discussione