JesuLaFrench pop t-shirt made in Florence

Michele Moricci, un giovane stilista fiorentino che si fa strada nel mondo della moda armato delle sue t-shirt e la sua voglia di dissacrare ed onorare le icone della cultura pop contemporanea, ci parla del suo marchio JesuLaFrench.

Com’è nata l’idea di JesuLaFrench?

L’idea di JesuLaFrench è nata un pò per gioco un pò per necessità. Come capita spesso, gli amici e le persone care hanno un ruolo importante nel motivarti quando vuoi realizzare un progetto e manca il coraggio. Disegno da sempre e la moda è una passione irrefrenabile. Il desiderio di esprimere me stesso e la voglia di creare hanno fatto il resto.

Da dove trai l’ispirazione per le tue t-shirt?

La cultura pop e il mondo della moda sono le principali tematiche da cui traggo ispirazione. Mi piace l’arte in genere e mi piace la frivolezza usa e getta della cultura contemporanea. Le t-shirt per me sono come la tela bianca di un pittore, disegno ciò che mi piace, ciò che mi rappresenta e lo faccio a mano e con computer grafica evitando il più possibile i copia-incolla.

E’ stato difficile riuscire a farsi conoscere agli inizi?

E’ difficile. Difficilissimo, parlo al presente. Il progetto è ancora all’inizio ed è auto-finanziato da me e dal mio compagno. Farsi notare in un panorama affollato di belle e brutte cose che piacciono alla gente non è semplice. L’inizio è adesso e il passaparola è essenziale.

Come si sta sviluppando il progetto di jesuLaFrench?

JesuLaFrench è un progetto Indipendente. Siamo fuori dal giro delle pubbliche relazioni mondane. Non ci sono big budget, ma c’è un big project. Per adesso è una piccola produzione di pezzi numerati, quasi “artigianale”.

Le t-shirt JesuLaFrench sono un prodotto disegnato a Firenze e stampate digitalmente una ad una nella città di Prato e ci siamo affidati al cotone 100% firmato American Apparel per garantire qualità.

Le nostre T-shirt sono presenti in alcuni negozi sperimentali. Tra questi UNTITLED a Roma, UNKNOWN a Bari e EIGHT Shop a Empoli (Provincia di Firenze).


Come mai questo nome assai bizzarro?

Il nome è nato dalle chiacchere logorroiche di un’amica. Volevo qualcosa che suonasse come un nome celebre senza rinunciare a una sonorità frufru e trionfale. Esclamando “Gesù, la french!”, riferendosi alla sua ricostruzione alle unghie, l’ho bloccata ed ho capito di aver trovato il nome che cercavo. Le sono riconoscente per questo.

Progetti futuri?

Ce ne sono tanti. JesuLaFrench è un progetto lungimirante, ma sarà il tempo a determinare il successo e gli sviluppi di questo Brand Emergente e sperimentale dedicato a tutto ciò che è Pop, Contemporaneo e Superfluo.

 

Share on Tumblr


Partecipa alla discussione

Ilaria Micheli

Ilaria Micheli

Ha studiato fashion design. La sua passione sono il martini e i pois. Terrorizzata dall’idea di somigliare a Laura Pausini. E’ convinta che il cinismo denoti intelligenza. Il suo sogno è lavorare per una rivista di moda. Dice che lascia il posto agli anziani sull’autobus, ma non lo fa. La frase del cuore: “Tutti devono credere in qualcosa. Io credo che mi farò un altro drink.”


Leggi tutti i miei articoli