La grande arte contemporanea torna alla villa medicea di Artimino

Dal 5 al 28 giugno, il secondo appuntamento della rassegna Artimino Contemporanea presenta Aer Aeris – I cieli del bronzo, con le sorprendenti opere dello scultore toscano Andrea Roggi.

Scopri Artimino Contemporanea

Villa La Ferdinanda – che forse conosci come la villa dei Cento Camini –  a Carmignano è una costruzione di straordinaria bellezza, immersa in un paesaggio da cartolina e splendidamente decorata, tanto da essere diventata nel 2013 Patrimonio Mondiale dell’Unesco.

Già solo per questo merita una visita (l’ingresso oltretutto è gratuito); come se non bastasse, la dimora medicea ospita adesso anche una rassegna di arte contemporanea, che inaugura la seconda esposizione venerdì 5 giugno: un motivo in più per impostare il navigatore e partire per una gita fuori porta alla volta di Artimino, approfittandone anche per fermarsi a gustare un calice dell’ottimo vino rosso della zona, che non guasta mai.

Arte toscana tra passato e presente

Ma torniamo all’arte. I sontuosi saloni della villa, riccamente affrescati nel XVI secolo da Bernardino Poccetti e Domenico Passignano, dallo scorso aprile si sono aperti alla modernità grazie alla rassegna Artimino Contemporanea.

L’iniziativa è a cura di Florence Biennale, l’esposizione internazionale d’arte contemporanea che da 20 anni porta a Firenze artisti da tutto il mondo. Il progetto intende riproporre le idee degli illustri mecenati che nei secoli passati hanno contribuito a sviluppare l’arte e la cultura, in un territorio già di per sé ricco di tradizioni.

Gli artisti scelti per la rassegna sono tra i più importanti del panorama artistico contemporaneo, sia nazionale che internazionale, con particolare attenzione per la Toscana, per creare un’ideale linea di congiunzione che unisca arte antica e moderna.

artimino contemporanea andrea roggi

Andrea Roggi e l’insostenibile leggerezza del bronzo

Dopo aver accolto i dipinti di Giampaolo Talani per l’esposizione inaugurale, questa volta gli ampi giardini della villa ospiteranno le spettacolari opere di Andrea Roggi, in un percorso espositivo che interesserà anche l’hotel e il ristorante della tenuta di Artimino.

Lo scultore, toscanissimo – è nato a Castel Fiorentino nel 1962 – è un assoluto virtuoso del bronzo: le sue eleganti strutture, incorniciate e valorizzate dallo splendido scenario di Villa Artimino, già a un primo sguardo colpiscono per la loro leggerezza, quasi fossero uscite da un sogno.

Le figure, eteree e filiformi, sono caratterizzate da un forte dinamismo: sembra quasi che debbano spiccare il volo da un momento all’altro… e lo fanno davvero! Come per magia, infatti,  le sculture prendono vita, si animano, ruotano, ondeggiano e volano, come acrobati che si librano nell’aria.

andrea roggi artimino contemporanea

La passione artistica di Andrea Roggi e la sua instancabile ricerca tecnica riescono a trasformare la staticità del bronzo in un materiale in grado di trasmettere leggerezza e ariosità, creando opere estremamente dinamiche e aperte, fatte di visioni sognanti e danze in volo, che invitano il visitatore a riflettere sulla continua ricerca dell’uomo nell’elevazione verso mete irraggiungibili.

La mostra, a ingresso libero, sarà inaugurata venerdì 5 giugno alle ore 19.00,  con una degustazione di vini di Carmignano DOCG, e resterà aperta fino al 28 giugno. In parallelo, per tutta la durata dell’evento, il ristorante “Biagio Pignatta” – attiguo alla villa – offrirà un menù ad hoc ispirato alle opere di Roggi. Un appuntamento da non perdere per un felice incontro tra arte, storia ed enogastronomia… cosa chiedere di più per trascorrere un piacevole pomeriggio d’estate?

Scopri Artimino Contemporanea

Artimino Contemporanea
Aer Aeris – Una mostra di Andrea Roggi 
Vernissage  venerdì 5 giugno, ore 19.00 con degustazione vino Carmignano DOCG

Dal 5 al 28 giugno
Ingresso libero

Villa medicea La Ferdinanda
Viale Papa Giovanni XXIII, 1 
59015 Artimino – Carmignano (PO)

www.artimino.com

Florence Biennale – www.florencebiennale.org

Partecipa alla discussione
comments powered by Disqus