1111111

Arriva Camera, l’app fotografica di Facebook

Facebook presenta Camera, l’app fotografica per scattare, ritoccare e caricare foto sul social network. Ma non aveva appena acquistato Instagram?

Zuckerberg spiazza tutti, a poco più di un mese dall’acquisizione di Instagram, con Camera, l’app fotografica Facebook che del social network appena acquistato sembra essere la sorella gemella.

Il funzionamento di Camera – da pochi giorni sullo store Usa e non ancora disponibile in Italia – è piuttosto semplice e intuitivo; l’app si configura come un vero e proprio social network fotografico che permette di scattare foto ad altissima risoluzione, ritoccarle tramite l’uso di filtri artistici, taggare gli amici e infine condividerle direttamente su Facebook.

Nella schermata principale di Camera si vedranno le nostre foto e quelle che gli amici hanno scattato e condiviso. La funzione macchina fotografica permetterà di scattare, ritoccare, tagliare, stringere, allungare e geotaggare immagini da inserire su Facebook con estrema facilità.

La vera novità sta nella possibilità di inserire in una volta sola anche immagini multiple, problema che fino ad ora aveva reso l’operazione da mobile piuttosto noiosa. Camera permette, inoltre, di caricare foto a maggiore risoluzione e ha qualche funzione di ritocco in più, rispetto ad Instagram.

In attesa di poter provare la nuova app, chiudiamo questo post con alcune perplessità.

Camera sembra essere un clone di Instagram; qual è il senso di questa operazione dunque, visto il recente acquisto da parte di Facebook del famoso social network fotografico?

Come al solito, la prima release è solo per iPhone. Scelta che sembra essere poco al passo con i tempi visto l’andamento del mercato Android. E infine, perché non integrare la funzione fotografica direttamente all’interno della app di Facebook invece di crearne una parallela? L’app Google+, pur avendo altri limiti, ha questa funzione fin dall’inizio.

A questo punto, però, non resta che aspettare qualche settimana e provare!

 

 

 

Share on Tumblr


Partecipa alla discussione