1111111

Abbiamo trovato Dio? A Montelupo, conversazione intorno al bosone di Higgs

Il 24 luglio a Montelupo un incontro per parlare del bosone di Higgs che avrà tra i protagonisti uno dei ricercatori del CERN, laboratorio dove è stata scoperta la particella che apre nuovi scenari per la fisica del XXI secolo.

Ancora una volta è dal CERN di Ginevra che poco tempo fa si accendono i riflettori della stampa e l’interesse del mondo per la fisica. Al centro dell’attenzione dopo i neutrini più veloci della luce, il bosone di Higgsla particella di Dio.

Ricerca e risultati che parlano italiano essendo italiana una buona parte dei ricercatori del team. Ma abbiamo capito davvero di che si tratta?

L’organizzazione del Festival delle Cose invisibili a Montelupo prende in prestito l’affermazione provocatoria di Margherita Hack  per dare il titolo a questa conversazione che avrà come protagonisti  Lapo Casetti ricercatore del dipartimento di fisica e astronomia dell’Università di Firenze e Vitaliano Ciulli ricercatore del dipartimento di fisica e astronomia dell’Università di Firenze e dell’esperimento CMS al Large Hardon Collider del CERN.

Una serata e un’occasione da non perdere per farsi guidare dai due studiosi a conoscere e capire il mondo della fisica delle particelle elementari. Siamo davvero davanti  a una svolta nella comprensione della natura e vale la pena di saperne di più.

Dal capire chi è Peter Higgs, quale era il suo ruolo e  i punti fondamentali della sua teoria della quale gettò le basi ormai 50 anni fa, a quali sono le nuove domande a cui la fisica dovrà dare risposta in futuro.

Martedì 24 luglio ore 21:30

Palazzo Podestarile (Giardino dell’ex Museo della ceramica  di Montelupo)
Montelupo, via Baccio da Montelupo, 34

Share on Tumblr


Partecipa alla discussione