Cinema, Firenze Life Style

Apriti Cinema. L’arena estiva gratuita in Santissima Annunziata

Dal 12 Luglio al 4 Agosto la piazza più suggestiva di Firenze ospita Apriti Cinema, una rassegna gratuita di 14 film provenienti dai grandi festival internazionali.

Le stelle del cinema e del cielo illumineranno una delle piazze più belle di Firenze: Santissima Annunziata. Trasformata per l’occasione in un’arena estiva, saranno proiettati 14 film in lingua originale con sottotitoli in italiano, dal giovedì al sabato alle 21.30, con ingresso libero fino ad esaurimento dei posti.

La rassegna Apriti Cinema, voluta dal Comune di Firenze, è promossa in collaborazione con Ente Cassa di Risparmio di Firenze, Osservatorio per le Arti Contemporanee, Teatro Puccini, Fondazione Sistema Toscana, 50 Giorni di Cinema Internazionale a Firenze e Feltrinelli Real Cinema.

Un evento per rilanciare il ruolo culturale della piazza e contrastare il quotidiano degrado urbano.  Santissima Annunziata, storicamente tra i primi teatri all’aperto della città, ritorna ad animarsi durante le serate estive e a far sognare i cittadini attraverso la magia del cinema. Con una scenografia tutta da godere.

Il programma completo:

Giovedì 12 Luglio (Anteprima)

Franca la Prima di Sabina Guzzanti (Italia, 2011- 70’)

Presentato al Festival Internazionale del Film di Roma 2011. Dall’incontro tra due personalità dal genio affilato nasce un documentario, che racconta la vita e l’arte della prima vera attrice-autrice della satira italiana: Franca Valeri.

Venerdì 13 Luglio

Leading Ladies di Erika Randall Beahm (USA, 2010- 102’).

Presentato al Florence Queer Festival 2011, una storia toccante e stravagante per sensibilizzare e far divertire. Una madre dispotica, ex campionessa di ballo, è costretta a candidare alla competizione di danza la primogenita. Peccato che Toni abbia una visione più ampia dei ruoli nel mondo del ballo.

Sabato 14 Luglio

Amal di Richie Mehta (India-Canada, 2007-104’)

Presentato al River to River Florence Indian Film Festival, una favola moderna che educa al valore morale del successo. L’incontro con l’indigente autista Amal farà aprire gli occhi a un eccentrico miliardario, deluso e annoiato dalla vita, su ciò che ci rende veramente ricchi.

Giovedì 19 Luglio

Waste Land di Lucy Walker (Regno Unito/Brasile, 2010-98’)

Presentato allo Schermo dell’Arte 2010 e candidato all’Oscar 2010 come Miglior Documentario, un meraviglioso ritratto dell’artista brasiliano Vik Muniz e l’incontro con i tremila catadores (raccoglitori di materiale riciclabile) tra le favelas di Rio de Janeiro. L’artista ha realizzato una serie di Pictures of Garbage, coinvolgendoli nella rivisitazione di celebri capolavori dell’arte contemporanea.

Venerdì 20 Luglio

Always di Song Il Gon (Corea del Sud, 2008-108’)

Presentato al Florence Korea Film Festival 2012, una struggente storia d’amore tra un disilluso ex-boxer e una donna misteriosa con la voglia di vivere, condannata all’imminente cecità. Il forte legame è unito dal passato doloroso.

Sabato 21 Luglio

Le stelle inquiete di Emanuela Piovano (Italia, 2011-87’)

Presentato al XXXII Festival Internazionale di Cinema Donne e vincitore del premio Gilda Film e Gilda Attrice 2011, una storia di complicità, d’amore e di gelosia sullo sfondo della Francia occupata nel 1941. La filosofa Simone Weil, a causa delle persecuzioni razziali, si trasferisce a Marsiglia nella tenuta agricola del filosofo Gustave Thibon e della moglie Yvette.

Domenica 22 Luglio (Inedito in Italia)

The Nines di John August (USA, 2007-99’)

Presentato alla Mostra Internazionale del Cinema di Venezia e al Sundance Film Festival nel 2007, un film a episodi per il debutto nella regia di John August, sceneggiatore di fiducia di Tim Burton. Le tre storie sono collegate da indizi, visioni e strani fenomeni che si ripetono.

Giovedì 26 Luglio

L’arte del sogno di Michel Gondry (Francia, Italia, 2006-105’)

Presentato al Festival del Cinema di Berlino 2006, una commedia romantica, in cui sogno e realtà non coincidono quasi mai. Un giovane creativo torna dalla madre a Parigi, dove trova lavoro e una bella vicina di casa che sogna tutte le notti.

Venerdì 27 Luglio

Kinshasa Simphony  di Claus Wischmann e Martin Baer (Congo, 2010-95’)

Presentato al Festival del Cinema di Berlino 2010 e Festival del Film Etnomusicale 2011, uno sguardo sul Congo e sulla passione per la musica, capace di unire la gente in una terra difficile. La storia dell’unica orchestra sinfonica dell’Africa Centrale raccontata attraverso l’energia di un gruppo di musicisti, determinati a suonare.

Sabato 28 Luglio

Blush di Wim Vandekeybus (Belgio, 2005-52’)

Selezionato per ACID-Programme al Festival di Cannes 2005, un viaggio straordinario fra i paesaggi paradisiaci della Corsica e le profondità suburbane di Bruxelles, accompagnato dalle musiche di Eugene Edwards e Woven Hand e testi di Peter Verhelst. Trasposizione cinematografica della performance Blush.

Domenica 29 Luglio

Sunshine Cleaning di Christine Jeffs (USA, 2008-91’)

Presentato al Sundance Film Festival 2008, una commedia agrodolce sul tentativo di trovare una giusta direzione nella propria vita. Due sorelle, precarie nel lavoro e nella vita sentimentale, decidono di mettere in piedi un’insolita impresa di pulizie: rimuovere tracce di eventi drammatici, come suicidi e omicidi, dai luoghi dei delitti.

Giovedì 2 Agosto

I giorni del cielo di Terence Malick (USA, 1978-95’)

Premio alla Regia al Festival di Cannes 1979, una storia drammatica sullo sfondo rurale dei paesaggi del Texas. Una coppia di amanti e una ragazzina, anime dannate, cercano un futuro migliore, scegliendo una strada sbagliata. Impressionante fotografia di Nestor Almendros ed emozionante colonna sonora di Ennio Morricone.

Venerdì 3 Agosto (Inedito in Italia)

Blue Valentine di Derek Cianfrance (USA, 2010-120’)

Presentato al Sundance Film Festival 2010, una storia d’amore, ormai spenta, rievocata in una camera d’albergo. Dean e Cindy decideranno veramente di lasciarsi?

Sabato 4 Agosto

Paris je t’aime di A.A.V.V. (Francia, Svizzera, Germania, 2006-120’)

Presentato al Festival di Cannes 2006 e al Toronto Film Festival, l’amore per una città dichiarato in venti cortometraggi, diretti da altrettanti registi del calibro di Joel ed Ethan Coen, Wes Craven, Gerard Depardieu, Steve Buscemi e Sergio Castellitto. Progetto già realizzato negli anni 60’ dai registi più importanti della Nouvelle Vague, che produssero Paris Vu par, conquistando il pubblico internazionale.

You might also like