Trattoria da Giorgio, stasera ceno a casa

Volete spendere poco, mangiare discretamente (se non bene) e vivere un’esperienza trascendente? Andate da Giorgio, in via Palazzuolo.

Quasi di fronte al mitico Space Elettronic, discoteca dei bei tempi che furono,  si mangia una buona cucina casalinga fra il toscano e l’abruzzese, pagando 12 euro a pranzo (erano 10 lo scorso inverno ma si sa… c’è la crisi e tutto aumenta) e 13 a cena, prezzo fisso, per un primo, secondo, contorno, acqua, un quartino di vino della casa dignitoso, servizio e coperto compreso. Sono escluse altre bevande, dolci (fatti in casa), caffè e ammazza caffè.

Solo se prendete il menù bistecca (bistecca, contorno, acqua e quartino), sempre, o il menù abruzzese (sagne – pasta tipica, arrosticini – agnello o pecora, contorno, acqua e quartino), il giovedì, pagate la bellezza di 25 o 15 euro, rispettivamente.

Questi sono gli unici menù “fissi”, perché se vi accontentate del menù quotidiano, per quel prezzo, non siete obbligati a scegliere fra poche cose o non scegliere affatto, ma vi costruite il vostro menù su una carta che, per scelta, non ha niente da invidiare ad un ristorante più blasonato.

Non vi aspettate nouvelle cousine o rivisitazioni particolari, le cose sono casalinghe, semplici ma buone (ovviamente alcune più, altre meno ma la media è sicuramente positiva). Magari vi sembrerà di essere a pranzo dalla nonna o dalla zia, mangiando cose di tutti i giorni, ma la qualità c’è e soprattutto sapete cosa mangiate.

L’unica concessione alla moda è la cucina a vista, ma non con cristalli e acciaio… è a vista perché la cucina non è molto grande e per praticità la porta è sempre aperta. Potete vedere così il cuoco, il signor D’Amico che con la famiglia porta avanti questo angolo d’Abruzzo da quasi 40 anni, mentre vi salta in padella i tagliolini o vi cuoce la bistecca o gli arrosticini.

Lo spazio non è molto, gli avventori i più diversi: dai residenti della zona alle famiglie, dagli studenti alle coppiette, dai turisti ai lavoratori in pausa. Una grande famiglia che si ritrova a mangiare nel salotto buono dove alle pareti, mescolate ad uno splendido stile finto rustico con archi in mattoni finti, sono appese le riproduzioni dei capolavori del Rinascimento, da Leonardo a Raffaello.
Mancherebbe giusto la Gondola fatta con le conchiglie sopra la televisione che è sulla mensola per sentirsi veramente a casa!

(foto Christian Chambery)

Trattoria Da Giorgio - via Palazzuolo 100r, Firenze
E' aperta tutti i giorni a pranzo e a cena, tranne la domenica.
Accettano pagamenti con carte di credito e bancomat.
Accettano quasi tutti i buoni pasto.
Accettano prenotazioni SOLO per gruppi da 8 persone minimo
Tel: 055.28.43.02

Share on Tumblr


Partecipa alla discussione