Cinque imperdibili paninerie a Firenze

Il sandwich ha da poco compiuto 250 anni, lo celebriamo consigliandovi le nostre cinque paninerie preferite in città.

Sorpresi di sapere che il panino (o meglio il suo cugino britannico) abbia una data di nascita?

Un po’ di storia

John Montagu, IV conte di Sandwich (ridente cittadina del Kent, in Gran Bretagna) era talmente impegnato a giocare a golf, a dadi, al gioco della bottiglia, a briscola e a scopone scientifico da non avere il tempo materiale per consumare i suoi pasti seduto a tavola.

Nel 1762 ordinò quindi alla servitù di infilare la sua adorata finocchiona tra due morbide fette di pane, in modo da poterla gustare con una mano sola, mentre con l’altra si dedicava ai suoi hobby preferiti.

Abbiamo romanzato? Forse un pochino…

John Montagu - IV conte di Sandwich, ghiotto di finocchiona

Lì x lì

Se passate in via XXVII aprile a ora di pranzo non potete non fare una sosta nella mitica panineria Lì x lì.
Le ciabattine croccanti vengono riempite all’inverosimile con ingredienti freschi tagliati o cucinati davanti ai vostri occhi.
Le farciture sono le più disparate e hanno nomi ispirati a film o alla cultura popolare come Bunga Bunga, Viagra, Altrimenti ci arrabbiamo, Amici miei

Per gustare davvero appieno le qualità di questa paninoteca bisogna affidarsi al caso, e lasciare che i gestori vi “inventino” il panino lì per lì (appunto).
Non ve ne pentirete.

Il Principe delle Delizie

In Via Dell’Agnolo c’è una paninoteca gestita da alcuni simpatici ragazzi, che in poco tempo si è guadagnata una posizione di tutto rispetto nel cuore degli amanti dell’hamburger.

Il fast food a 5 stelle vi offre infatti la possibilità di configurarvi a piacere il vostro hamburger, con un’ampia varietà di possibili risultati finali.
La scelta è infatti tra una decina di tipi di “polpetta” (classica, xl, di chianina, vegetariana…) da abbinare a 5 tipi di pane (tra cui la mitica focaccina del principe), 7 tipi di formaggio e una moltitudine di condimenti a base di verdure e salse di ogni tipo (NON le solite maionese e ketchup).

Ciliegine sulla torta: ogni hamburger viene servito con patatine incluse nel prezzo, e nel frigo c’è una discreta scelta di birre artigianali.

Focacceria Bondi

Dimenticate l’opulenza delle ciabattine superfarcite e degli hamburger, qui si va su qualcosa di molto più delicato.

Il locale in via dell’Ariento (a quanto pare uno dei più “attempati” in zona) è piccolo ma molto accogliente, ed è piacevolmente sobrio.
Le focaccine hanno condimenti di ottima qualità, tra cui spiccano alcune “chicche” piuttosto difficili da trovare in locali analoghi (baccalà, seppie in inzimino, parmigiana di melanzane…), potete scegliere una farcitura tra quelle nel menu o usare la fantasia, sempre lasciandovi consigliare dai gestori.

Un consiglio spassionato?
Caprino, pomodoro e menta… crea dipendenza.

Aviazione

Un locale diverso dagli altri, sia per la sua collocazione fuori dal centro storico, in Viale Malta, sia perché non si tratta di un posto in cui fare pasti veloci… insomma qui si cena con calma.

L’ambientazione, piuttosto curata, si ispira ad un campo di aviazione (colpo di scena), ma se ci tornerete non sarà certo per quella.
Il punto di forza del locale sono infatti gli hamburger (anche di chianina), serviti in tante diverse varietà.
Amici vegetariani hanno segnalato la particolare bontà degli hamburger senza carne.

Il Panino Tondo

Vi abbiamo appena parlato di un locale in cui si cena comodi, ma sulla comodità è difficile battere Il Panino Tondo.
I loro panini infatti potete gustarveli a casa nella posizione che più preferite.

La particolarità di questa paninoteca a domicilio è che offre una discreta varietà di Bagels, dei “panini-ciambella” tipici della tradizione ebraica, molto gustosi ed ottimi farciti con formaggio cremoso + qualsiasi altra cosa.

Che ve ne pare della nostra lista?
Abbiamo forse dimenticato di citare qualche paninoteca?
Scatenatevi nei commenti!

(photo credits: 1, 2)

Share on Tumblr


Partecipa alla discussione