1111111

Tutto Pinocchio. In mostra fino al 23 settembre alla libreria Babele

Pinocchio biennale 2012. Firenze, alla  Galleria-Libreria Babele fino al 23 settembre  in mostra tutte le forme di Pinocchio.

La favola Toscana diventata lo specchio della società globale, ispira alcune meravigliose creazioni prodotte da 28 illustratori, tra le quali si trova anche II libro “triangolare” di Paolo Favi, esposto al MoMA di New York.

Il burattino  incarna la formazione dell’io profondo attraversando difficoltà,  paure, tentazioni, cadendo nell’oblio e scoprendo l’amore imperfetto.

Si muove in continuazione, l’azione è un concetto fondamentale, che viene meno solo quando gli impedimenti lo frenano, ma trova la strada, la forza e l’aiuto necessario perfino per uscire dalla pancia di una balena.

Una bellissima  scultura di Massimo Voghera rappresenta questo momento dando vita alle sue figure “boteriane” attorno ad una scatola di tonno extra large.

Pinocchio è la storia fantastica, il personaggio, la malizia e l’innocenza ma è anche un pezzo di tutti noi!

Carissimi,
in fondo, sotto sotto, dentro dentro non siamo tutti un po’ ignoranti, un po’ bugiardi, un po’ infedeli, un po’ imbrogliati, un po’ impiccati? Un po’ pitocchi, un po’ pinocchi dunque.

Questa frase dell’artista Conc  accompagna l’unica opera digitale delle collettiva, simbolo di come  la “vecchia” scuola dell’editoria possa collaborare fianco a fianco con la società multimediale, dando e ritrovando nuovo slancio.

Una serie di tavole, mini sculture, collage, oggetti da sfiorare con le dita per timore di sciuparli, si scoprono tra i libri, principio imprescindibile della galleria-libreria, curata da Laura Accordi, che fonde la cultura e l’arte creando un concept unico,da intenditori.

PINOCCHIO BIENNALE 2012 – Firenze dal 7 giugno al 23 settembre

Libreria Babele
Firenze, Via delle Belle Donne 41r

Tel: 055 283312

www.babelefirenze.com

Credits: Conc, Michele Fabbricatore, Emanuele Luzzati, Guido Scarabottolo, Gianluigi Toccafondo

Ingresso libero

Share on Tumblr


Partecipa alla discussione