1111111

Il teschio di diamanti di Damien Hirst a Palazzo Vecchio

Ma per l’amor di Dio!” ho sentito dire di fronte all’idea di vedere il teschio di diamanti di Damien Hirst. Che poi è la traduzione letterale di “For the Love of God”, la mostra inaugurata a Firenze dal talento inglese dell’arte contemporanea. Ovviamente le polemiche non sono mancate, e non solo perché siamo a Firenze, dove il dibattito è prerogativa genetica.

L’oggetto del contendere in questo caso è proprio l’opera: un teschio a grandezza naturale letteralmente tempestato da oltre 8600 diamanti purissimi (per oltre 1100 carati). Il celebre teschio è entrato dalla porta principale di Palazzo Vecchio, dove rimarrà in esposizione fino al 1 maggio 2011. La fama dell’artista inglese è indiscussa. Sulla collocazione dell’opera e su cosa sia l’arte invece potremmo discuterne all’infinito. D’altronde da quando l’arte è diventata riproducibile tecnicamente perdendo la sua aura (W. Benjamin, per chi volesse approfondire), è diventato estremamente difficile stabilire cosa sia o cosa non sia un’opera d’arte.

La mostra resta in ogni caso un’occasione per una visita unica a Palazzo Vecchio, con un passaggio nello Studiolo di Francesco I (solitamente chiuso al pubblico) anticamera dalla quale si accede poi alla Camera del Duca dove, con un apposito allestimento, è custodita l’opera.

Prezzo del biglietto: 10€ (8€ ridotto). Aperto tutti i giorni fino al 1 Maggio, con orario 9.00 – 24.00 (9.00 – 14.00 il giovedì).
Maggiori informazioni su: www.hirst.it

Share on Tumblr


Partecipa alla discussione