Binfinito è lo spazio secondo Maurizio Mochetti

Fino al 10 Febbraio all’associazione BASE/Progetti per l’arte (via San Niccolò 18r) è possibile visitare la mostra di Maurizio Mochetti “Binfinito”, parola coniata dall’artista in riferimento all’installazione d’apertura che presta il nome all’intera esposizione.

retta Mochetti
Un’asse retta, fatta di materiale leggero e opportunamente modellato in diverse densità, è sospesa nello spazio, divide in due la stanza e grazie alla sapiente distribuzione degli spessori le due estremità sembrano proseguire all’ infinito.

cono mochetti

Un gioco prospettico interessante che continua in una diversa lettura con l’installazione “Proiezioni”.

Questa volta è un cilindro ad essere sospeso nello spazio, sulle pareti posteriore e anteriore sono posti strategicamente due cerchi neri, che osservati attraverso il cilindro creano l’illusione di un’estensione infinita.

Entrambe le opere, pur inedite, sono state progettate nel 1966.

Mochetti Cono e cerchio

Nelle opere di Mochetti lo spettatore diventa parte integrante dell’opera stessa :“Ho realizzato alcuni lavori nei quali non esiste l’opera senza il visitatore. Sono arrivato a un paradosso, nel1970-69, ho realizzato una scatola con un pulsante e un numero digitale e ogni volta che si premeva il pulsante, dopo dodici secondi, compariva un numero successivo. In realtà non c’era variazione se qualcuno non interveniva, l’opera erano i dodici secondi che lo spettatore mi aveva dato”

Maurizio Mochetti è un artista di fama internazionale, nasce negli anni ‘40 a Roma, inizia la sua formazione artistica già dal liceo e prosegue con l’Accademia di Belle Arti. Ma si discosta completamente dagli insegnamenti accademici, a 24 anni, in pieno dopoguerra, il suo interesse si concentra su oggetti bellici come aerei e armi; li priva del loro significato violento e ne studia piuttosto forme e geometrie, si interessa poi alla materia, studiando la fisicità della luce.
Base progetti per l'arte

L’associazione BASE/Progetti per l’arte, che ospita la mostra, è nata nel 1998 da un’idea di artisti per altri artisti.  Un progetto No Profit curato da diversi nomi importanti del panorama contemporaneo, come Paolo Masi, Maurizio Nannucci e Paolo Parisi, ci limitiamo a citarne solo alcuni ma la lista è prestigiosa e lunghissima tanto quanto quella degli artisti che hanno esposto in questo piccolo ma prezioso spazio.

Binfinito di Maurizio Mochetti - 2 dicembre - 20 febbraio 2012

BASE/Progetti per l'arte

Firenze, Via San Niccolò, 18r

Orario: dal martedì al sabato 17.00 - 20.00 

Per appuntamenti telefonare: +39 3289627 778 | +39 3292298 348 | +39 347 7210222

www.baseitaly.org

Credits: Maurizio Mochetti, Base/progetti per l'arte

Share on Tumblr


Partecipa alla discussione

Vanessa Spaziani

Vanessa Spaziani

Spaziani Vanessa, nasce negli anni 80 circondata dal mare in Sardegna, ma solo qualche anno dopo viene trascinata nella pianura Friulana, della quale fuggirà per assecondare il proprio amore per l’ arte e le colline Fiorentine. Studia grafica e web design e si occupa di Marketing e Pubblicità. Nel tempo libero le piace sognare, perdersi nei film, guardare insistentemente fotografie, fare fotografie, comprare abiti vecchi, bere vino rosso e ballare musica, soul, swing, rock, reggae a volte anche elettronica. Convinta che la vita sia una continua sorpresa, cerca di scovare tutti i pacchetti nascosti dietro ogni angolo per poi correre a raccontarlo al mondo.


Leggi tutti i miei articoli